Emergenza COVID 19, ti assistiamo!

  • Pubblicato da: asconfidi
  • Pubblicato in:

Asconfidi Lombardia – in collaborazione alla Rete di Confidi soci capillarmente operativi sul territorio della Lombardia – si mette a disposizione delle P.M.I. colpite dall’emergenza “Coronavirus” attraverso le proprie competenze consulenziali e di accesso al credito, per meglio affrontare, approfondire e favorire l’accesso alle Misure di sostegno Governative destinate alle Imprese.

Contattaci per ottenere un supporto e una risposta tempestiva ai Tuoi Quesiti e per avere una consulenza personalizzata, efficiente e coerente con le reali necessità ed esigenze della Tua Impresa.

1. PER CONTATTARE LA NOSTRA SEDE CLICCA QUI

Nel corso delle varie fasi legate all’emergenza sanitaria “Coronavirus” tutti gli Uffici di Asconfidi Lombardia sono sempre stati attivi, ed oggi lo sono più che mai, per garantire una completa assistenza e supporto alle Imprese sul territorio.

Ciò è possibile attraverso un’organizzazione pianificata della struttura aziendale, grazie ad un’alternanza tra il personale presente in Ufficio e gli operatori attivi tramite “SMART WORKING”, sempre nel rispetto dei protocolli sanitari previsti dalla Legge.

La Società ha recentemente investito sull’infrastruttura tecnologica (nuovi server e sistemi di telefonia) e nella digitalizzazione, concedendo ai dipendenti e collaboratori nonché alla Rete di Confidi Soci di rimanere costantemente connessi per far fronte all’attività ordinaria e alla straordinarietà del contingente periodo.

La Società ha attivato un nuovo sistema di sottoscrizione ed archiviazione in digitale dei documenti propedeutici alle richieste di finanziamento, agevolando le Imprese con un servizio di assistenza a distanza ed accorciando l’iter burocratico di tutti quegli espletamenti documentali realizzabili anche da remoto.

2. PER CONTATTARE I NOSTRI UFFICI PRESENTI SUL TERRITORIO CLICCA QUI

3. PER TUTTE LE INFORMAZIONI E FAQ DI CARATTERE NORMATIVO E LEGISLATIVO LEGGI LE SEGUENTI SEZIONI A E B

A. Normativa Di Riferimento:

- Decreto legge Cura Italia convertito in Legge 24 aprile 2020 n. 17 (cfr. articolo 56 per moratoria ope legis) CLICCA QUI         
- Decreto legge Liquidità n.23 del 18 aprile 2020 (cfr. articolo 13) convertito in Legge 5 giugno 2020 n. 40 CLICCA QUI
- Comunicazione CE Quadro Temporaneo degli aiuti di stato pubblicato in GUCE2020 C 91 I 01 Decreto legge CLICCA QUI             

Per maggiori consultazioni:

- Banca d'Italia - Informativa COVID-19 CLICCA QUI          
- Fondo Centrale di Garanzia CLICCA QUI              
- Ministero delle Finanze - Sezione Nuovo Coronavirus CLICCA QUI  
- ABI - Associazione Bancaria Italiana (Sezione Misure per il credito e sottosezioni Famiglie/Imprese/Enti locali) CLICCA QUI         

B. Area FAQ del Ministero dell’Economia e delle Finanze:
Le risposte alle domande più frequenti in merito ai provvedimenti economici assunti dal Governo per contrastare l’emergenza derivante dall’epidemia COVID-19. CLICCA QUI  

4. PER TUTTI I NOSTRI PRODOTTI (leggi le seguenti sezioni A-B-C-D-E-F):

A. GESTIONE DELLE MORATORIE

Al fine di sostenere le P.M.I. in difficoltà è stato previsto di poter usufruire della sospensione temporanea delle rate dei finanziamenti o di prevedere l’allungamento della durata dei medesimi.

Due le soluzioni percorribili:

 ACCORDO PER IL CREDITO ABI: le Imprese possono accedere alle misure di moratoria ampliate e rafforzate dal nuovo Accordo fra ABI, Ministero delle Finanze e Associazioni di Categoria del 6 marzo 2020.

Da segnalare che, rispetto a quanto definito in origine dall’Accordo, viene ora previsto, ove possibile, che le Banche applichino misure di maggior favore per le imprese e che, al fine di assicurare massima tempestività nelle risposte alle imprese, si accelerino le procedure di istruttoria.

PER RICHIEDERE TALE AGEVOLAZIONE DOVRA’ ESSERE COMPILATO ED INVIATO ALLA BANCA EROGANTE IL MODULO QUI ALLEGATO.

SOSPENSIONI AI SENSI DELL’ART. 56 del Decreto Cura Italia, ovvero la possibilità di sospendere le rate dei finanziamenti nonché di prorogare i prestiti di altra natura - accordati alla data del 29 febbraio 2020 - sino al 30 settembre 2020, senza l’aggiunta e l’aggravio di nessun onere aggiuntivo o accessorio da parte dell’azienda. Nel dettaglio:

a) per le aperture di credito a revoca e per i prestiti accordati a fronte di anticipi su crediti esistenti alla data del 29 febbraio 2020 o, se superiori, a quella di pubblicazione del presente decreto, gli importi accordati, sia per la parte utilizzata sia per quella non ancora utilizzata, non possono essere revocati in tutto o in parte fino al 30 settembre 2020;

b) per i prestiti non rateali con scadenza contrattuale prima del 30 settembre 2020 i contratti sono prorogati, unitamente ai rispettivi elementi accessori e senza alcuna formalità, fino al 30 settembre 2020 alle medesime condizioni;

c) per i mutui e gli altri finanziamenti a rimborso rateale, anche perfezionati tramite il rilascio di cambiali agrarie, il pagamento delle rate o dei canoni di leasing in scadenza prima del 30 settembre 2020 è sospeso sino al 30 settembre 2020 e il piano di rimborso delle rate o dei canoni oggetto di sospensione è dilazionato, unitamente agli elementi accessori e senza alcuna formalità, secondo modalità che assicurino l’assenza di nuovi o maggiori oneri per entrambe le parti; è facoltà delle imprese richiedere di sospendere soltanto i rimborsi in conto capitale.

È facoltà dell’azienda richiedere la sospensione della sola quota capitale oppure delle intere rate/canoni in scadenza.

Asconfidi adotta medesima procedura per i CREDITI DI CASSA erogati direttamente dalla Società, per i quali Vi forniamo relativo format di dichiarazione auto certificativa da sottoscrivere ed inviare presso l’indirizzo segreteria@asconfidi.it. CLICCA QUI

In questo caso, il suggerimento è quello di prediligere la SOSPENSIONE “integrale” della rata ovvero, sia della quota capitale che degli interessi.

Asconfidi Lombardia per venire in aiuto alle Imprese del territorio ha varato tutta una serie di iniziative, sotto elencate, che prevedono costi e tassi significativamente agevolati rispetto al listino standard.

B. RICHIESTE DI FINANZIAMENTO FINO A € 30.000

La conversione in Legge n. 40/2020 del Decreto Liquidità, di cui all'articolo 13 comma 1 lettera m), che prevede l'ammissione alla garanzia del Fondo con copertura al 100%, sia in garanzia diretta che in riassicurazione, di nuovi finanziamenti erogati dalle Banche a favore delle Imprese la cui attività è stata colpita dall'emergenza “Covid19”, ha concesso l’innalzamento dell’importo massimo richiedibile da € 25.000 a € 30.000 e la possibilità di prolungare la durata della concessione da 72 a 120 mesi.

Asconfidi Lombardia mette a disposizione una Linea di prodotti ad hoc per questa Misura di aiuto, alle seguenti caratteristiche:

- Tasso di interesse annuo nominale  è fissato dalla Legge 40/2020, tiene conto della copertura dei soli costi di istruttoria e di gestione dell'operazione finanziaria e, comunque, non è superiore al tasso del rendimento medio dei titoli pubblici (Rendistato) con durata analoga al finanziamento, maggiorato dello 0,20 per cento (zero venti per cento).
- I destinatari mPMI, come definite dalla normativa europea, iscritte nel Registro delle Imprese, persone fisiche esercenti attività di impresa, arti o professioni, associazioni professionali e società tra professionisti (i professionisti devono essere iscritti agli ordini professionali o aderenti alle associazioni professionali iscritte nell’elenco tenuto dal Ministero dello sviluppo economico ai sensi della legge 14 gennaio 2013, n. 4 e in possesso dell’attestazione rilasciata ai sensi della medesima legge n. 4 del 2013) nonché di agenti di assicurazione, subagenti di assicurazione e broker (iscritti alla rispettiva sezione del Registro unico degli intermediari assicurativi e riassicurativi) la cui attività d’impresa è stata danneggiata dall’emergenza COVID-19.
- Finalità: Liquidità (esempio: acquisto scorte, pagamento fornitori, spese per il personale …)
Liquidità legata all’emergenza Covid-19
Investimento (ristrutturazione, acquisto attrezzature, costi di ricerca ecc..).
- Importo: Massimo Euro 30.000,00. L’importo non può essere superiore, alternativamente, anche tenuto conto di eventi calamitosi, al:
a) doppio della spesa salariale annua del beneficiario (compresi gli oneri sociali e il costo del personale che lavora nel sito dell'impresa ma che figura formalmente nel libro paga dei subcontraenti) per il 2019 o per l'ultimo anno disponibile. Nel caso di imprese costituite a partire dal 1° gennaio 2019, l'importo massimo del prestito non può superare i costi salariali annui previsti per i primi due anni di attività;
b) 25 per cento del fatturato totale del beneficiario nel 2019, come risultante dall'ultimo bilancio depositato o dall'ultima dichiarazione fiscale presentata alla data della domanda di garanzia ovvero, da altra idonea documentazione prodotta, anche mediante autocertificazione ai sensi dell'articolo 47 del decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000 n. 445.
Durata: Massimo 120 mesi con almeno 24 mesi di preammortamento.
- Modulistica: l’Impresa dovrà presentare l’Allegato 4 bis CLICCA QUI ai fini della garanzia /riassicurazione del Fondo di Garanzia nonché la documentazione dell’Istituto di Credito/Confidi a completamento della pratica. Tutta la documentazione inerente la pratica viene raccolta, per conto di Asconfidi Lombardia, dai nostri Confidi Soci. Ti invitiamo ad individuare la sede più vicina alla Tua Impresa, CLICCANDO QUI e fissare, con i nostri Confidi sul territorio, la modalità più idonea per l’espletamento delle Tue richieste.
- Trasparenza: CLICCA QUI PER TUTTI I DETTAGLI INFORMATIVI DEL PRODOTTO

C. RICHIESTE DI FINANZIAMENTO FINO A € 3.200.000

La conversione in Legge n. 40/2020 del D.L. Liquidità di cui all'articolo 13 comma 1 lettera n) ha altresì apportato ulteriori novità rispetto a quanto originariamente previsto dal citato Decreto, in riferimento alle operazioni con importo massimo richiedibile fino a € 3.200.000.

La misura prevede l'ammissione al Fondo, con copertura in garanzia da parte di Asconfidi Lombardia al 100% e la riassicurazione del Fondo medesimo al 90% (per liquidità e investimenti), con la finalità di supportare le Imprese, tramite finanziamenti erogati dalle Banche, la cui attività è stata colpita dall'emergenza “Covid19” .

Asconfidi Lombardia mette a disposizione una Linea di prodotti ad hoc per questa Misura di aiuto, alle seguenti caratteristiche:

- Le commissioni di garanzia, che comprendono le spese di istruttoria e gestione, sono massimo pari allo 0,45% dell’importo erogato in ragione d’anno per le operazioni di liquidità e investimento; sono massimo pari allo 0,50% dell’importo erogato in ragione d’anno per le operazioni di riequilibrio finanziario /consolidamento.
- I destinatari sono mPMI, come definite dalla normativa europea, iscritte nel Registro delle Imprese e Liberi professionisti, iscritti agli ordini professionali e quelli aderenti alle associazioni professionali iscritte nell’elenco tenuto dal Ministero dello sviluppo economico ai sensi della legge 14 gennaio 2013, n. 4 e in possesso dell’attestazione rilasciata ai sensi della medesima legge n. 4 del 2013, con ammontare dei ricavi non superiore a 3.200.000 di Euro.
- Finalità: Liquidità (esempio: acquisto scorte, pagamento fornitori, tredicesime)
Liquidità legata all’emergenza Covid-19
Investimento (ristrutturazione, acquisto attrezzature, costi di ricerca ecc..)
- L’importo: non può superare alternativamente:
a) il doppio della spesa salariale annua del 2019 o dell’ultimo anno disponibile. Per imprese costituite dal 1° gennaio 2019, l’importo massimo non potrà superare i costi salariali annui previsti per i primi 2 anni di attività;
b) il 25 per cento del fatturato totale del 2019.
I limiti di importo, di cui sopra, possono essere superati qualora il richiedente dichiari che:
a) l’operazione rientra in un piano di copertura del fabbisogno per costi del capitale d’esercizio e per costi di investimento nei successivi 18 mesi;
b) i limiti di importo non costituiscono un’adeguata misura del fabbisogno di liquidità in quanto l’impresa ha sostenuto maggiori costi a causa dell’epidemia di COVID-19 o ha necessità di riavviare l’attività a seguito della sospensione stabilita dal DPCM del 22 marzo 2020.
- Modulistica: l’Impresa dovrà presentare l’Allegato 4 CLICCA QUI ai fini della garanzia /riassicurazione del Fondo di Garanzia nonché la documentazione dell’Istituto di Credito/Confidi a completamento della pratica. Tutta la documentazione inerente la pratica viene raccolta, per conto di Asconfidi Lombardia, dai nostri Confidi Soci. Ti invitiamo ad individuare la sede più vicina alla Tua Impresa, CLICCANDO QUI e fissare, con i nostri Confidi sul territorio, la modalità più idonea per l’espletamento delle Tue richieste.
- Trasparenza: CLICCA QUI PER TUTTI I DETTAGLI INFORMATIVI DEL PRODOTTO

D. RICHIESTE DI NUOVI FINANZIAMENTI ai sensi dell’articolo 13 comma 1 lettera D) del Decreto Liquidità.

La conversione in Legge n. 40/2020 del D.L. Liquidità ha sostanzialmente mantenuto quanto previsto dall'articolo 13 comma 1 lettera d) del Decreto medesimo, che prevede l'ammissione al Fondo, con copertura in garanzia da parte di Asconfidi Lombardia per un massimo del 90% e la riassicurazione del Fondo di Garanzia al 100%, a supporto di nuovi finanziamenti erogati dalle Banche a favore delle Imprese la cui attività è stata colpita dall'emergenza “Covid19”.

Asconfidi Lombardia mette a disposizione una Linea di prodotti ad hoc per questa Misura di aiuto, alle seguenti caratteristiche:

- Le spese di istruttoria e gestione non prevedono la parte relativa alla remunerazione del rischio di credito e sono massimo pari allo 0,30% dell’importo erogato dall’istituto di credito in ragione d’anno.
- I destinatari sono mPMI: come definite dalla normativa europea, iscritte nel Registro delle Imprese;
Imprese con numero di dipendenti non superiori a 499;
Liberi professionisti: i professionisti iscritti agli ordini professionali e quelli aderenti alle associazioni professionali iscritte nell’elenco tenuto dal Ministero dello sviluppo economico ai sensi della legge 14 gennaio 2013, n. 4 e in possesso dell’attestazione rilasciata ai sensi della medesima legge n. 4 del 2013.
- Finalità: Liquidità (esempio: acquisto scorte, pagamento fornitori, tredicesime…)
Liquidità legata all’emergenza Covid-19
Investimento (ristrutturazione, acquisto attrezzature, costi di ricerca ecc..)
- L’importo: non può superare alternativamente:
a) Il doppio della spesa salariale annua per il 2019 o dell’ultimo anno disponibile. Nel caso di imprese costituite dal 1° gennaio 2019, l’importo massimo del prestito non può superare i costi salariali annui previsti per i primi due anni di attività;
b) Il 25 per cento del fatturato totale del 2019;
c) Il fabbisogno per costi del capitale di esercizio e per costi di investimento nei successivi 18 mesi per le mPMI e nei successivi 12 mesi per le imprese fino a 499 dipendenti.
- Durata: Max 72 mesi.
- Modulistica: l’Impresa dovrà presentare l’Allegato 4 CLICCA QUI ai fini della garanzia /riassicurazione del Fondo di Garanzia nonché la documentazione dell’Istituto di Credito/Confidi a completamento della pratica. Tutta la documentazione inerente la pratica viene raccolta, per conto di Asconfidi Lombardia, dai nostri Confidi Soci. Ti invitiamo ad individuare la sede più vicina alla Tua Impresa, CLICCANDO QUI e fissare, con i nostri Confidi sul territorio, la modalità più idonea per l’espletamento delle Tue richieste.
- Trasparenza: CLICCA QUI PER TUTTI I DETTAGLI INFORMATIVI DEL PRODOTTO

E. RICHIESTE DI RINEGOZIAZIONE /CONSOLIDAMENTO DEL DEBITO

La conversione in Legge n. 40/2020 del D.L. Liquidità ha apportato talune novità in merito a  quanto previsto dall'articolo 13 comma 1 lettera e) del Decreto medesimo, innalzando la percentuale di nuovo credito aggiuntivo, rispetto all'operazione oggetto di rinegoziazione, che dal 10% passa al 25% dell'importo del debito accordato in essere. La garanzia di Asconfidi Lombardia, per queste operazioni di rinegoziazione di finanziamenti esistenti, raggiunge un massimo dell'80% a fronte della riassicurazione sino al 90% del Fondo di Garanzia, su stessa banca o altra banca (diversa rispetto alla richiesta originaria) purché sia rispettata la condizione di erogare nuovo credito, come sopra specificato.

Se si tratta di un’operazione effettuata tramite lo stesso Istituto di Credito, dove è stato acceso il finanziamento originario, la Banca deve accordare una riduzione del tasso di interesse.

Asconfidi Lombardia mette a disposizione una Linea di prodotti ad hoc per questa Misura di aiuto, alle seguenti caratteristiche:

- Le commissioni di garanzia, che comprendono le spese di istruttoria e gestione, sono massimo pari allo 0,40% dell’importo erogato dall’istituto di credito in ragione d’anno.
- I destinatari sono mPMI come definite dalla normativa europea, iscritte nel Registro delle Imprese;
Impese con numero di dipendenti non superiori a 499;
Liberi professionisti: i professionisti iscritti agli ordini professionali e quelli aderenti alle associazioni professionali iscritte nell’elenco tenuto dal Ministero dello sviluppo economico ai sensi della legge 14 gennaio 2013, n. 4 e in possesso dell’attestazione rilasciata ai sensi della medesima legge n. 4 del 2013.
- Durata: se l’operazione rispetta i limiti di durata (massimo 72 mesi) e di importo (25% fatturato o doppio della spesa salariale) l’aiuto è concesso ai sensi del Par. 3.2 del Quadro temporaneo.
- Modulistica: l’Impresa dovrà presentare l’Allegato 4 CLICCA QUI ai fini della garanzia /riassicurazione del Fondo di Garanzia nonché la documentazione dell’Istituto di Credito/Confidi a completamento della pratica. Tutta la documentazione inerente la pratica viene raccolta, per conto di Asconfidi Lombardia, dai nostri Confidi Soci. Ti invitiamo ad individuare la sede più vicina alla Tua Impresa, CLICCANDO QUI e fissare, con i nostri Confidi sul territorio, la modalità più idonea per l’espletamento delle Tue richieste.
- Trasparenza: CLICCA QUI PER TUTTI I DETTAGLI INFORMATIVI DEL PRODOTTO

F. CREDITO DIRETTO ASCONFIDI LOMBARDIA

La conversione in Legge n. 40/2020 del Decreto Liquidità, di cui all'articolo 13 comma 1 lettera m), che prevede l'ammissione alla garanzia del Fondo con copertura al 100%, a supporto di nuovi finanziamenti a favore delle Imprese la cui attività è stata colpita dall'emergenza “Covid19”, ha concesso l’innalzamento dell’importo massimo richiedibile da € 25.000 a € 30.000 e la possibilità di prolungare la durata della concessione da 72 a 120 mesi.

Asconfidi Lombardia, in qualità di Intermediario Finanziario Vigilato, nell’ambito dell’attività così detta “residuale” di concessione di credito a favore del pubblico, sta sostenendo i bisogni delle P.M.I. Socie sui territori attraverso l’incremento del plafond – a valere su fondi propri – destinato alle operazioni di credito diretto alle Imprese.

Le caratteristiche del prodotto sono le seguenti:

- Finanziamenti destinati a mPMI, come definite dalla normativa europea, iscritte nel Registro delle Imprese, persone fisiche esercenti attività di impresa, arti o professioni, associazioni professionali e società tra professionisti (i professionisti devono essere iscritti agli ordini professionali o aderenti alle associazioni professionali iscritte nell’elenco tenuto dal Ministero dello sviluppo economico ai sensi della legge 14 gennaio 2013, n. 4 e in possesso dell’attestazione rilasciata ai sensi della medesima legge n. 4 del 2013) nonché di agenti di assicurazione, subagenti di assicurazione e broker (iscritti alla rispettiva sezione del Registro unico degli intermediari assicurativi e riassicurativi) la cui attività d’impresa è stata danneggiata dall’emergenza COVID-19.
- L’importo non può essere superiore, alternativamente, anche tenuto conto di eventi calamitosi, al:
a) doppio della spesa salariale annua del beneficiario (compresi gli oneri sociali e il costo del personale che lavora nel sito dell'impresa ma che figura formalmente nel libro paga dei subcontraenti) per il 2019 o per l'ultimo anno disponibile. Nel caso di imprese costituite a partire dal 1° gennaio 2019, l'importo massimo del prestito non può superare i costi salariali annui previsti per i primi due anni di attività;
b) 25 per cento del fatturato totale del beneficiario nel 2019, come risultante dall'ultimo bilancio depositato o dall'ultima dichiarazione fiscale presentata alla data della domanda di garanzia ovvero, da altra idonea documentazione prodotta, anche mediante autocertificazione ai sensi dell'articolo 47 del decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000 n. 445.
- Durata: fino a 120 mesi con almeno 24 mesi di preammortamento.
- Finalità: Liquidità (acquisto scorte, pagamento fornitori, tredicesime, imposte e contributi). Necessità aziendali legati all’emergenza COVID-19. Investimento (ristrutturazione, acquisto attrezzature, costi di ricerca ecc..).
- Tasso di interesse: è fissato dalla Legge 40/2020, tiene conto della copertura dei soli costi di istruttoria e di gestione dell'operazione finanziaria e, comunque, non è superiore al tasso del rendimento medio dei titoli pubblici (Rendistato) con durata analoga al finanziamento, maggiorato dello 0,20 per cento (zero venti per cento).
- Trasparenza: CLICCA QUI PER TUTTI I DETTAGLI INFORMATIVI DEL PRODOTTO

Tutta la documentazione inerente la pratica viene raccolta, per conto di Asconfidi Lombardia, dagli Uffici dei Confidi Soci. Ti invitiamo ad individuare la sede più vicina alla Tua Impresa, CLICCANDO QUI e fissare, con i nostri Confidi sul territorio, la modalità più idonea per l’espletamento della Tua richiesta.